Lo Statuto

                                                                                      Scarica lo Statuto

TITOLO I  -

COSTITUZIONE E FINALITA'

Art. 1 - Costituzione

E' costituito con durata a tempo indeterminato il Sindacato dei Farmacisti, Medici, Biologi, Chimici e Fisici Dirigenti del S.S.N.. Esso prende la denominazione di Si.Na.F.O. (Sindacato Nazionale Farmacisti, Medici, Biologi, Chimici e Fisici del S.S.N.) e rappresenta sindacalmente i Dirigenti del ruolo sanitario strutturati e non in Aziende del S.S.N., Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico, Strutture Sanitarie accreditate, Università, Ministeri ed altre istituzioni pubbliche del S.S.N. Il Sindacato è disciplinato dal seguente  statuto ed ha sede legale e sociale nella città indicata dalla Segreteria Nazionale. In sede di approvazione la sede è individuata in Roma.

Art. 2 - Finalità

Il Sindacato è apartitico, non ha fini di lucro e si propone:

a) di valorizzare la professionalità dei dirigenti

del ruolo sanitario;

b) di tutelare e difendere gli interessi generali e particolari degli iscritti sul piano morale, professionale, giuridico, culturale ed economico e di rappresentarli nei rapporti con le Istituzioni e la Pubblica Amministrazione  qualsiasi livello territoriale;

c) di concorrere a promuovere l’organizzazione di studi, dibattiti e convegni su temi giuridici, tecnici, di formazione e di aggiornamento sindacale, per favorire la crescita complessiva  della categoria rappresentata;

d) di assumere ogni iniziativa atta a promuovere la collaborazione con altre Organizzazioni sindacali, scientifiche ed altre istituzioni pubbliche e private;

e) di promuovere la diffusione delle attività del sindacato attraverso la pubblicazione del periodico d'informazione ufficiale ed altre iniziative editoriali.

f) di curare il monitoraggio delle varie tematiche riguardanti i percorsi formativi e occupazionali dei giovani;

TITOLO II

AMMISSIONE E PARTECIPAZIONE

Art. 3 – Adesioni

Possono aderire al sindacato i dirigenti del S.S.N., ai sensi dell’art. 1 dello Statuto, i dirigenti del ruolo sanitario del SSN in quiescenza, i dirigenti del ruolo sanitario non strutturati con incarico a tempo determinato o altra forma di contratto flessibile c.d. atipico e borsisti. La domanda di adesione, redatta su apposito stampato, va  inoltrata alla Segreteria della Regione in cui ha sede l'Ente datore di lavoro, alla amministrazione di appartenenza e, per conoscenza, alla Segreteria Nazionale del Sindacato. L'ammissione comporta l'obbligo di provvedere per i dirigenti di ruolo e per quelli con incarico a tempo determinato o contratto continuativo, dal mese successivo alla presentazione della domanda, al versamento del contributo mensile tramite l'amministrazione di appartenenza a ciò delegata nel rispetto della normativa in materia. I dirigenti del ruolo sanitario in quiescenza, i  colleghi con contratto atipico, i colleghi specializzandi in Farmacia Ospedaliera (o discipline equipollenti) e i colleghi borsisti devono versare in un’unica soluzione la quota annualmente definita dal Consiglio Nazionale. Sulla istanza di ammissione decide la Segreteria Regionale; avverso la negata ammissione può essere proposto ricorso al Collegio dei Probiviri, la cui deliberazione è inappellabile.

Art. 4 - Obblighi dell'iscritto

La partecipazione al sindacato comporta per l’iscritto:

a) di osservare il presente statuto e le decisioni che, in base allo stesso, sono adottate dagli Organi Collegiali;

b) di corrispondere i contributi associativi nella misura stabilita dal successivo art. 17, punto 4).

Art. 5 - Cause di cessazione

L'iscritto cessa di far parte del sindacato:

a) per recesso volontario, con decorrenza dal mese successivo alla comunicazione dell’intento di recesso secondo le norme vigenti previste dagli accordi e dalla legislazione in materia di adesioni e revoche alle organizzazioni sindacali da inoltrare alla Segreteria Regionale o Nazionale;

b) per deliberazione inappellabile dei Collegio Nazionale dei Probiviri in sede di appello, per indegnità o per inadempienza agli organi statutari;

c) per perdita dei requisiti che hanno dato titolo all'iscrizione;

d) per decesso.

TITOLO III

ORGANIZZAZIONE ED ORGANI SOCIALI

Cap. I – Generalità

Art. 6 - Organizzazione centrale e periferica

Il Sindacato è organizzato su base nazionale, regionale e aziendale. Al fine di adeguare la rappresentanza sindacale dei dirigenti del ruolo sanitario del SSN alla struttura amministrativa dello Stato, è fatto obbligo di iscriversi alla delegazione della Regione di riferimento (sede dell 'Ente datore di lavoro o, per gli iscritti in quiescenza, di residenza). Le delegazioni regionali rappresentano l'organizzazione periferica del Sindacato e costituiscono il tramite per mezzo del quale gli iscritti:

a) rappresentano e tutelano i loro interessi morali e materiali davanti alle Autorità, Enti ed Organizzazioni a carattere regionale nonché alle Amministrazioni e Strutture Sanitarie locali;

b) coordinano ed integrano, sul piano regionale, le loro attività;

c) mantengono i necessari collegamenti con gli organi centrali del sindacato e scambiano con essi informazioni ed attività di collaborazione.

Art. 7 - Organismi Centrali

Sono Organismi Centrali del Sindacato:

  • Il Congresso Nazionale

  • Il Consiglio Nazionale

  • La Segreteria Nazionale

  • Il Collegio Nazionale dei Probiviri

  • Il Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti

Art. 8 - Organismi Periferici

Sono Organismi Periferici del Sindacato:

  • L'Assemblea Regionale

  • La Segreteria Regionale

  • L’Assemblea Aziendale

Art. 9 - Gratuità e durata delle cariche sociali

Tutte le cariche sindacali sono gratuite ed hanno la durata di quattro anni. Allo scadere del quadriennio esse devono essere rinnovate. E' ammesso il principio della rieleggibilità. In caso di intervenuta quiescenza, i componenti degli organismi centrali e periferici, ad eccezione dei delegati aziendali,  restano in carica fino alla scadenza naturale del mandato. I componenti degli organismi hanno diritto al rimborso delle spese sostenute con le modalità fissate dal Consiglio Nazionale (art.17 p. 9).

Art. 10 – Confederazione-Federazione- Organizzazione Sindacale

Al fine di assicurare la necessaria rappresentanza ed interazione con le altre Organizzazioni Sindacali il Si.Na.F.O. può aderire ad una Confederazione, Federazione, Organizzazione Sindacale secondo le determinazioni della Segreteria Nazionale previa acquisizione del parere vincolante, a  maggioranza, da parte del Consiglio Nazionale espresso anche per via telematica.

Cap. II - Funzionamento degli Organi Sociali Centrali

Art. 11 - Congresso Nazionale:

Composizione

Il Congresso Nazionale è costituito da:

  • Il Presidente;

  • Il Segretario Generale;

  • I componenti della Segreteria Nazionale;

  • I Segretari Regionali;

  • Il Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti;

  • Il Collegio Nazionale dei Probiviri;

  • I Delegati Regionali aggiuntivi eletti ai sensi del successivo art. 12 , punto 5);

  • Gli iscritti in distacco sindacale per conto del Si.Na.F.O..

Il Congresso Nazionale è valido in presenza del 50% + 1 dei suoi componenti. Sono ammesse le deleghe (una per ciascun delegato).

Art. 12 - Congresso Nazionale:

Funzionamento

I - Rinnovo delle cariche istituzionali

1. Il Congresso Nazionale è indetto dal Segretario Generale in via ordinaria, ogni quattro anni, per il rinnovo delle cariche istituzionali. La comunicazione per le candidature alle cariche nazionali viene effettuata attraverso gli organi e i mezzi di informazione del sindacato;

2. La comunicazione dell'indizione, corredata dell'ordine del giorno dei lavori, deve essere inviata ai Segretari Regionali centoventi giorni prima affinché gli stessi provvedano, entro i sessanta giorni successivi, al rinnovo delle cariche istituzionali regionali e alla nomina dei delegati aggiuntivi secondo lo schema predisposto dalla Segreteria Nazionale;

3. Il Segretario Generale provvede a comunicare a tutti i delegati al Congresso Nazionale, trenta giorni prima dello stesso, l'ordine del giorno;

4. Il Congresso Nazionale delibera a maggioranza del 50%+1 dei voti.

Il Congresso Nazionale elegge a scrutinio segreto in votazioni separate:

- Il Presidente

- Il Segretario Generale;

- I sei componenti la Segreteria Nazionale;

- I quattro componenti (di cui uno supplente)

-Il Collegio Nazionale dei Revisori;

- I quattro componenti (di cui uno supplente)

-Il Collegio Nazionale dei Probiviri;

- Il voto espresso da ciascun delegato al Congresso Nazionale ha valore pari a uno.

5. Quando il numero di iscritti di una regione o provincia autonoma superi le cinquanta  unità, al fine di garantire la rappresentatività numerica, il numero di rappresentanti è calcolato in ragione complessiva di uno ogni trenta iscritti oltre i primi cinquanta compreso il Segretario Regionale. I membri aggiuntivi del Congresso Nazionale sono eletti dalle rispettive assemblee della regione o provincia autonoma e restano in carica per il quadriennio successivo.

6. Modalità di votazione. Prima di dare inizio ai lavori, su proposta del Segretario Generale, il Congresso Nazionale designa per alzata di mano i componenti della commissione elettorale (presidente, segretario e due scrutatori). Sono eleggibili alle cariche istituzionali nazionali gli iscritti in servizio in regola con il versamento delle quote Associative.

La carica di Segretario Regionale e Delegato Territoriale e le cariche di componente del Collegio dei Probiviri e dei Revisori possono essere ricoperte anche dagli iscritti in quiescenza purché abbiano ricoperto incarichi sindacali nazionali regionali, provinciali o aziendali per almeno un mandato nel decennio antecedente il pensionamento e abbiano mantenuto una costanza di iscrizione al sindacato senza soluzione di continuità.

a) Alla carica di Presidente possono concorrere coloro che,  anche se posti in quiescenza dal servizio, hanno ricoperto un incarico di Segretario Generale   per almeno un mandato nel decennio antecedente il pensionamento e abbiano mantenuto una costanza di iscrizione al sindacato senza soluzione di continuità.

b) Alla carica di Segretario Generale del Sindacato possono concorrere coloro che hanno ricoperto un incarico di componente della Segreteria Nazionale o di Segretario Regionale per almeno due mandati.

c) Per la carica di componente della Segreteria Nazionale, del Collegio dei Revisori dei Conti e del Collegio dei Probiviri, è richiesta la formale presentazione della propria candidatura venti giorni prima delle votazioni. Tale candidatura va presentata alla sede nazionale del sindacato per iscritto (fax o raccomandata) specificando la carica alla quale si intende concorrere. Alla carica di componente della Segreteria Nazionale possono concorrere tutti coloro i quali abbiano ricoperto la carica di Segretario regionale, ex provinciale, aziendale o di Provincia autonoma di Trento e Bolzano per almeno un mandato .

d) Il Segretario Generale provvede a dare, attraverso idonei mezzi di comunicazione, adeguata informativa a tutti i componenti del Congresso Nazionale circa l’elenco delle candidature pervenute entro la settimana precedente il Congresso.

e) Ogni delegato al Congresso Nazionale riceve Cinque schede (una per l'elezione diretta del Presidente, una per il Segretario Generale, una per i sei componenti la Segreteria Nazionale una per i quattro componenti il Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti ed una per i quattro componenti il Collegio Nazionale dei Probiviri).

f) Risultano eletti alle varie cariche i candidati con il maggior numero di preferenze.

Qualora due o più candidati ottengano lo stesso numero di voti si procede al ballottaggio; se ancora si riscontra una parità di preferenze, viene eletto il candidato più anziano in età.

g) Le schede per l’elezione del Segretario Nazionale e del Presidente risulteranno valide se riportano l’indicazione di un solo nominativo, l'indicazione dei nominativi fino a sei  per la segreteria nazionale e fino a  quattro nominativi per il Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti e dei Probiviri; in caso di omonimia si dovrà aggiungere il nome.

h) La decisione circa le controversie riguardanti tutte le operazioni concernenti elezioni di persone cui è chiamato il Congresso Nazionale stesso è di spettanza della commissione elettorale.

II- Convocazioni straordinarie

La convocazione straordinaria del Congresso Nazionale può essere richiesta al Segretario Generale dalla Segreteria Nazionale o da almeno 10 Segretari Regionali. La convocazione straordinaria deve essere motivata e prescinde dai limiti temporali previsti per le convocazioni del congresso relative al rinnovo delle cariche istituzionali.

Art. 13 - Congresso Nazionale: Competenze

Il Congresso Nazionale:

1 - stabilisce le linee generali di politica sindacale, sanitaria e previdenziale, e le direttive per le attività del sindacato;

2 - svolge funzioni di indirizzo sull'attività degli organi periferici e decide in modo definitivo sulle materie di

competenza;

3 - approva le modifiche dello statuto;

4 - elegge il Presidente;

5 – elegge il Segretario Generale

6 - elegge i sei componenti la Segreteria Nazionale;

7 - elegge i quattro Componenti del Collegio Nazionale dei Probiviri di cui uno supplente;

8- elegge i quattro Componenti dei Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti di cui uno supplente;

9- delibera l'eventuale scioglimento del sindacato e decide la destinazione del patrimonio sociale;

Le deliberazioni di cui al punto 9 devono essere assunte dopo che sono state soddisfatte le procedure previste dai seguenti commi:

a) i segretari regionali partecipano al Congresso Nazionale dopo aver acquisito il formale parere sul punto 9 da parte degli iscritti, a seguito di assemblea convocata sullo specifico argomento;

b) la nomina di uno o più liquidatori, fissandone i poteri.

Per i punti dall' 1 al 3 e per quelli previsti dall'o.d.g. di convocazione, le deliberazioni del Congresso Nazionale sono assunte a maggioranza del 50% + 1 dei voti. Per il punto 9 il Congresso Nazionale delibera con una presenza del 65% dei delegati (comprese le deleghe) in prima convocazione e del 50%+1 (comprese le deleghe) dei delegati in seconda convocazione. La delibera riguardante il punto 9 viene assunta a maggioranza del 90% dei presenti. E’ ammessa una delega per ogni delegato al Congresso Nazionale.

Art. 14 - Segretario Generale

Il Segretario Generale:

a) è il rappresentante legale del Si.Na.F.O.;

b) rappresenta il sindacato nei rapporti interni ed esterni comprese le Istituzioni;

c) rappresenta ufficialmente il sindacato nelle sedi contrattuali;

d) convoca e presiede il Congresso Nazionale, il Consiglio Nazionale e la Segreteria Nazionale;

e) dirige e coordina la Segreteria Nazionale nelle sue varie articolazioni ed attività;

f) dà esecuzione alle deliberazioni del Congresso Nazionale, del Consiglio Nazionale e della Segreteria Nazionale;

g) adempie a tutte le altre funzioni non attribuite ad altri organi deliberanti del sindacato, ed assume le relative iniziative;

h) vigila sull’osservanza delle norme statutarie nell’ambito degli indirizzi dati dal Congresso Nazionale;

i) può affidare ad un iscritto, previo parere favorevole della Segreteria Nazionale, incarichi di particolare interesse nel sindacato. L'incaricato può essere invitato, in tal caso senza facoltà di voto, alle riunioni della Segreteria Nazionale ove figurino, all'ordine del giorno, argomenti inerenti l'incarico stesso;

j) nomina il Segretario Generale Aggiunto e  il Tesoriere Nazionale tra i Componenti della Segreteria Nazionale;

k) nomina il Commissario Straordinario in caso di dimissione del Segretario Regionale e del Vice Segretario Regionale;

l) nomina il Direttore Responsabile del Periodico d'Informazione del sindacato;

m) nomina il Responsabile Organizzativo del sindacato;

n) nomina il Responsabile dell’Area Giovani

o) nomina i delegati Sinafo all’interno del Consiglio Direttivo della Federazione di appartenenza

p)Può convocare una commissione ristretta, per discutere in modo preliminare su argomenti di carattere sindacale (incontri Aran, Confederazioni, istituzioni , ecc.). In caso di dimissioni del Segretario Generale, le funzioni vengono assunte in via provvisoria dal Segretario Generale Aggiunto che provvederà, entro 120 giorni dalle dimissioni, a convocare il Congresso Nazionale per la nomina del nuovo Segretario Generale.

Art. 15 - Presidente del Sindacato

La carica di Presidente del sindacato è elettiva In seno alla Segreteria Nazionale, il Presidente del Sindacato

ha diritto di voto. In caso di dimissioni dalla carica di Presidente, il Segretario generale avoca a sé le relative funzioni e prerogative Funzioni del Presidente:

- Vigila e propone politiche di strategia sindacale;

- In accordo con il Segretario Generale, mantiene i rapporti con le istituzioni e con le altre organizzazioni     sindacali;

- Coadiuva il Segretario Generale nel vigilare sull’osservanza delle norme previste dall’art.14 comma H dello Statuto;

- Può ricoprire altre funzioni affidategli dalla Segreteria Nazionale.

In caso di dimissioni dalla carica di Presidente, il Segretario generale avoca a sé le relative funzioni e prerogative.

Art. 16 - Consiglio Nazionale: Composizione

Il Consiglio Nazionale è composto:

- dal Presidente

- dal Segretario Generale;

- dai Segretari Regionali;

- dai Componenti della Segreteria Nazionale;

- dal Presidente del Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti;

- dal Presidente del Collegio Nazionale dei Probiviri.

I presidenti del Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti e del Collegio Nazionale dei Probiviri  partecipano alle riunioni del Consiglio Nazionale senza diritto di voto.

Art. 17 - Consiglio Nazionale:

Funzionamento

Il Consiglio Nazionale:

a) è presieduto dal Segretario Generale o dal Presidente (in subordine);

b) si riunisce in via ordinaria e straordinaria;

c) si riunisce in via ordinaria almeno una volta l'anno;

d) si riunisce in via straordinaria ogni qual volta ne sia fatta richiesta formale al Segretario Generale da almeno dieci Segretari Regionali ovvero dal Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti per motivi di carattere economico finanziario;

e) è convocato dal Segretario Generale o dal Presidente (in subordine) a mezzo lettera raccomandata, telegramma, fax o posta certificata inviati almeno venti giorni prima di quello fissato per l'adunanza, ai singoli componenti il Consiglio Nazionale. La lettera di convocazione deve contenere l'ordine del giorno, la data, l'ora ed il luogo della riunione;

f) può essere convocato, in casi di urgenza, con avviso telegrafico inoltrato almeno tre giorni prima della data prevista;

g) Il Consiglio Nazionale è valido in presenza del 50% + 1 dei suoi componenti;

h) le deliberazioni del Consiglio Nazionale sono assunte a maggioranza del 50% + 1 dei presenti. Non sono ammesse deleghe.

Art. 18 - Consiglio Nazionale: Competenze

Il Consiglio Nazionale:

1 - definisce gli indirizzi generali della attività sindacale;

2 - verifica e valuta l'attuazione delle linee generali di politica sindacale deliberate dal Congresso Nazionale e la rispondenza delle stesse alle iniziative assunte;

3 - propone lo svolgimento di attività organizzative e funzionali;

4 - determina la misura annua del contributo sindacale dovuto da ciascun iscritto;

5 - determina gli indirizzi operativi delle delegazioni regionali al fine di una attività organica ed uniforme, su scala nazionale, dell'azione sindacale della categoria;

6 - approva il bilancio preventivo dell'anno di riferimento e il conto consuntivo dell’anno precedente entro il 31 maggio di ogni anno;

7 - amministra i beni del sindacato;

8 - determina la disponibilità percentuale del contributo sindacale tra la segreteria  nazionale e le delegazioni regionali competenti, non potendo essere inferiore all'80% la quota riservata alla Segreteria Nazionale;

9 - fissa l'entità e le modalità dei rimborsi spesa ai titolari di cariche sociali ovvero agli iscritti chiamati a far parte di commissioni o, comunque, incaricati dello svolgimento di specifici mandati e/o compiti;

10 - adotta ogni altro provvedimento di carattere generale che non sia espressamente riservato al Congresso Nazionale e compie gli atti necessari al buon funzionamento del sindacato per la tutela degli interessi di categoria;

11 - nomina i delegati al Congresso Nazionale ed al Consiglio Nazionale della Federazione / Confederazione di cui fa parte il Si.Na.F.O., scegliendoli tra una rosa di candidati proposta dalla Segreteria Nazionale;

12 - ratifica il Regolamento Interno proposto dalla Segreteria Nazionale.

Art. 19 - Segreteria Nazionale:

Composizione

La Segreteria Nazionale è composta:

- dal Presidente

- dal Segretario Generale

- da numero sei componenti.

I Componenti della Segreteria Nazionale dimissionari o decaduti sono surrogati entro trenta giorni dal candidato primo in graduatoria dei non eletti.

Art. 20- Segreteria Nazionale:

Funzionamento

a) La Segreteria Nazionale si riunisce su convocazione del Segretario Generale di norma una volta ogni tre mesi.

b) Le riunioni della Segreteria Nazionale sono valide solo in presenza del 50% + 1 dei suoi Componenti, e sono coordinate e dirette dal Segretario Generale.

c) Le deliberazioni della Segreteria Nazionale sono assunte a maggioranza del 50% + 1 dei presenti. In caso di parità di voti, quello del Segretario Generale vale doppio

d) Le riunioni straordinarie della Segreteria Nazionale possono essere convocate su richiesta di almeno quattro dei suoi componenti; in tale evenienza il Segretario Generale provvede alla convocazione in modo da consentire che la riunione avvenga almeno entro venti giorni dalla data in cui ha ricevuto la richiesta.

e) Le riunioni della Segreteria Nazionale avvengono di norma nella sede sociale.

f) Di ogni riunione di Segreteria viene redatto apposito verbale sottoscritto dal verbalizzante e dal Segretario Generale

g) La Segreteria Nazionale definisce il regolamento interno deontologico/organizzativo dei suoi membri

Art. 21 - Segreteria Nazionale: Competenze

La Segreteria Nazionale provvede a:

1 - esaminare ogni problema sottoposto alla sua attenzione dal Segretario Generale;

2 - esercitare, nei casi di urgenza, le competenze del Consiglio Nazionale, salvo l'obbligo di sottoporre i relativi provvedimenti all'esame di quest'ultimo nella sua prima riunione;

3 - assegnare i budget di spesa annuali ai vari uffici e commissioni della Segreteria Nazionale;

4 - fissare annualmente le quote relative ai rimborsi spesa (art. 44);

5 - delibera la confluenza e/o aggregazione del Si.Na.F.O. e la cessione delle deleghe ad altro sindacato, federazione o confederazione acquisito il parere del Consiglio Nazionale;

6 -  delibera, limitatamente all’articolo di interesse, nei casi di estrema urgenza e con esclusione degli articoli relativi all’ambito della rappresentatività, le modifiche statutarie previa acquisizione del parere del Consiglio Nazionale espresso anche solo per via telematica;

7 - delibera la conferma o la concessione dei distacchi sindacali nel rispetto del regolamento ad hoc approvato dalla Segreteria Nazionale.

Art. 22 - Segretario Generale Aggiunto

Il Segretario Generale Aggiunto:

a) coadiuva il Segretario Generale nell'espletamento delle sue funzioni statutarie e lo sostituisce in caso di assenza motivata o di impedimento oggettivo;

b) svolge eventuali incarichi ricevuti dal Segretario Generale;

c) in caso di dimissioni del Segretario Generale dalla carica ricoperta, convoca il Congresso Nazionale entro 120 giorni per la nomina del nuovo Segretario Generale.

Art. 23 - Tesoriere Nazionale

Il Tesoriere Nazionale:

a) è responsabile, insieme al Segretario Generale, della gestione economico-finanziaria del sindacato, provvede alla amministrazione delle entrate, delle spese ed al patrimonio sociale in conformità alle previsioni approvate ed in relazione alle deliberazioni degli organismi nazionali;

b) deve essere assistito da un commercialista iscritto all'albo professionale;

c) firma, su delega del Segretario Generale gli ordinativi di incasso e di pagamento e si incarica della predisposizione dei bilanci preventivi e dei conti consuntivi;

d) verifica e controlla che i conti correnti bancari della tesoreria nazionale siano intestati al Si.Na.F.O. presso istituti bancari a valenza nazionale;

f) ripartisce, su deliberazione della Segreteria Nazionale, i budget di spesa in cui è articolato il bilancio della stessa;

g) fa riferimento per le sue attività ad apposito regolamento redatto dalla Segreteria Nazionale.

Art. 24 – Responsabile Organizzativo

il Responsabile Organizzativo ha funzioni di primo referente e coordinatore per i segretari regionali e ha delega alla gestione delle polizze assicurative e dei contenziosi legali nel rispetto di quanto approvato e deliberato dalla Segreteria Nazionale

Art. 25. Responsabile Area Giovani e Precari

il Responsabile Area Giovani e Precari ha funzioni di primo referente e coordinatore per gli iscritti con meno di 40 anni e meno di cinque anni di anzianità di servizio e dei precari (ovvero iscritti con contratti a tempo determinato o atipici) nel rispetto di quanto approvato e deliberato dalla Segreteria nazionale

Art. 26 - Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti:

 Composizione

Il Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti è composto:

- dal Presidente

- da due membri effettivi

- da un supplente

Il Presidente viene eletto nella prima riunione convocata dal componente più anziano del collegio. Nel caso di assenza o di impedimento del Presidente, le relative funzioni vengono svolte dal componente effettivo più anziano di età, il quale viene sostituito, in quest'ultima veste, dal supplente. Il Collegio resta in carica quattro anni e comunque tra un Congresso ordinario ed il successivo. Il componente dimissionario o decaduto viene sostituito dal supplente fino al rinnovo dell'intero organo.

 

Art. 27 - Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti:

 Funzionamento

Il Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti si riunisce su convocazione del Presidente del  Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti. Le funzioni di segretario del collegio sono svolte dal componente effettivo più giovane di età. Nel caso di impedimento di uno dei componenti effettivi, lo stesso viene sostituito dal supplente.

Art. 28 - Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti:

 Competenze

Il Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti:

1 - vigila periodicamente sull'andamento della gestione economico-finanziaria del sindacato eseguendo

verifiche di cassa e contabili, sia a livello centrale che periferico;

2 - esprime parere sul bilancio di previsione e sui conti consuntivi, predisponendo specifica relazione che deve essere trasmessa alla Segreteria Nazionale.

Il Collegio dei Revisori si può avvalere di ogni strumento atto a controllare e verificare presso le sedi delle segreterie e tesorerie nazionali e regionali i rispettivi conti consuntivi. I conti consuntivi corredati della relazione e dei documenti giustificativi devono essere messi a disposizione del Collegio dei Revisori dei Conti almeno quindici giorni prima di quello fissato per la riunione dell'organo cui compete l'esame e l'approvazione. Delle riunioni del Collegio dei Revisori dei Conti viene redatto verbale su apposito libro sottoscritto dagli intervenuti. Il Collegio dei Revisori può avvalersi della consulenza di un revisore dei conti iscritto all'albo professionale. Il Collegio dei Revisori dei Conti viene nominato ed opera nel rispetto delle norme di cui agli articoli 2397 e seguenti del codice civile, fatta eccezione per quanto concerne il numero dei componenti.

Art. 29 - Collegio Nazionale dei Probiviri:

Composizione

Il Collegio Nazionale dei Probiviri è composto:

- dal Presidente

- da 2 membri effettivi

- da un supplente

Il Presidente viene eletto nella prima riunione convocata dal componente più anziano del Collegio. Nel caso di assenza o impedimento del Presidente, le funzioni vengono espletate dal componente effettivo più anziano di età, il quale viene sostituito in quest’ultima veste dal membro supplente. Il Collegio resta in carica quattro anni e comunque tra un Congresso ordinario ed il successivo. I membri dimissionari o decaduti vengono sostituiti dal supplente.

Art. 30 - Collegio Nazionale dei Probiviri:

Funzionamento

Il Collegio Nazionale dei Probiviri si riunisce su convocazione del Presidente. Le funzioni di segretario del collegio sono svolte dal membro più giovane di età presente alla singola riunione.

Art. 31 - Collegio Nazionale dei Probiviri:

Competenze

Il Collegio opera nei seguenti casi:

1 - fatti di indegnità morale e di violazione della deontologia professionale e delle norme statutarie;

2 - condotte palesemente incompatibili con le finalità dell'associazione e con le direttive dei propri organi statutari;

3 - ricorsi relativi alle ricusazioni delle domande di ammissione al sindacato su cui si pronuncia.

Le sanzioni disciplinari applicabili a seconda della gravità dei fatti addebitati sono:

- la censura;

- la sospensione dall'esercizio dei diritti associativi da un minimo di mesi uno ad un massimo di mesi dodici l'espulsione. Le sanzioni sono decise dal Collegio dei Probiviri, previa formale contestazione degli addebiti da parte del Segretario Nazionale e la concessione di un termine a difesa non inferiore a giorni venti. Contro le decisioni del Collegio che commina le sanzioni è ammesso ricorso al Consiglio Nazionale, alla presenza di almeno il 50% dei suoi membri, con atto motivato da inviare entro trenta giorni dalla ricezione della comunicazione della sanzione erogata. I Probiviri decidono altresì quali arbitri amichevoli nelle controversie tra associati. Il Collegio Nazionale dei Probiviri ha sede presso la sede legale del sindacato.

Cap. III - Funzionamento degli Organi Sociali Periferici

Art. 32 - Assemblea Regionale

L'assemblea della delegazione regionale è costituita dagli iscritti che hanno sede nel territorio di competenza. La convocazione dell'assemblea è disposta dal Segretario Regionale almeno una volta l'anno, ovvero su richiesta di almeno 1/3 degli iscritti, competendo allo stesso di presiederla. La convocazione deve essere inviata a tutti gli iscritti almeno quindici giorni prima della data fissata per la riunione o, nei casi di urgenza, cinque giorni prima della data prevista . Ognuno dei partecipanti all'assemblea ha diritto ad un voto esprimibile anche mediante apposita delega scritta. Ogni partecipante può essere titolare di due deleghe. L’assemblea si intende validamente costituita se viene raggiunta la presenza del 30% degli iscritti comprese le deleghe. Le deliberazioni sono assunte a maggioranza semplice dei presenti votanti. Di ogni assemblea viene redatto apposito verbale che deve essere inviato alla Segreteria Nazionale.

Art. 33 -Assemblea Regionale: Competenze

L'assemblea Regionale provvede ad eleggere:

- il Segretario Regionale;

- i Delegati Regionali aggiuntivi del Congresso Nazionale ai sensi dell'art. 12 punto 5.

Adotta linee di indirizzo generale sulla politica sindacale a livello regionale, in linea con quella stabilita a livello nazionale.

 

Art. 34 -Assemblea Regionale: Modalità di votazioni per l'elezione delle cariche istituzionali

Hanno diritto al voto tutti gli iscritti in regola con i versamenti. E’ ammessa la votazione per delega scritta; ogni iscritto può essere titolare di due deleghe. Il rinnovo delle cariche istituzionali regionali ed dei delegati aggiuntivi al Congresso Nazionale deve avvenire 60 giorni prima del rinnovo delle cariche istituzionali nazionali. Non sono eleggibili gli iscritti a contratto a tempo determinato, titolari di contratti atipici e i borsisti, mentre possono essere eletti , gli iscritti in quiescenza (art 12 comma I punto 6), purché abbiano ricoperto incarichi sindacali regionali (segretario regionale, ex provinciale, aziendale) o nazionali nel decennio antecedente il pensionamento e mantengano una costanza di iscrizione al sindacato senza soluzione di continuità. Gli iscritti dirigenti con incarico a tempo determinato, titolari di contratti atipici e i borsisti partecipano alle assemblee regionali ed aziendali solo con diritto di voto. L'Assemblea Regionale all'atto dell’insediamento, su proposta del Segretario Regionale uscente, designa per alzata di mano il Presidente e due componenti della commissione elettorale; di questi, uno svolge la funzione di segretario e l'altro quella di scrutatore. La lista dei candidati alla carica di Segretario Regionale deve essere consegnata al Presidente della commissione elettorale subito dopo il suo insediamento. L'assemblea vota su apposita scheda il Segretario Regionale. Le schede risulteranno valide se riporteranno un solo nominativo. La votazione si ritiene valida solo se è riscontrata la presenza, tra i votanti, del 30%+1 degli iscritti, comprese le deleghe, nella provincia rappresentata. Ogni iscritto può essere titolare di due deleghe. In caso di parità di voti, risulterà eletto il candidato con maggiore anzianità di età anagrafica. Risulteranno eletti i candidati che avranno ottenuto il più elevato numero di suffragi. Tutte le cariche regionali hanno validità di quattro anni e sono rinnovabili. La carica di Segretario Regionale decade contemporaneamente a quelle nazionali.

 

Art. 35 - Segreteria Regionale

Ciascuna Segreteria Regionale è composta:

- dal Segretario Regionale

- dal Vice Segretario Regionale

- dai Delegati territoriali

Art. 36 - Il Segretario Regionale

a) è responsabile esecutivo delle deliberazioni e dell'attuazione degli indirizzi di politica sanitaria regionale assunti dall'assemblea regionale in armonia con gli orientamenti degli organi statutari centrali;

b) coordina l'attività organizzativa delle sezioni territoriali;

c) ha titolo a nominare i delegati territoriali nel numero ritenuto adeguato alle esigenze regionali  nella misura di almeno uno e, nel rispetto del regolamento di cui al punto 12 dell’ art 18, dandone immediata comunicazione alla segreteria nazionale, nonché a richiamare  gli  inadempienti alla puntuale osservanza delle norme statutarie vigenti riferendo al Segretario Generale;

d) intrattiene rapporti con l'Assessorato Regionale alla sanità, nonché con gli altri organi politici ed amministrativi e sindacali regionali;

e) presiede e convoca l'Assemblea Regionale e la Segreteria Regionale di norma una volta l'anno;

f) provvede all'aggiornamento dell'elenco degli iscritti in collaborazione con i Delegati territoriali. Di tale elenco deve essere inviata copia, entro il 31 gennaio di ogni anno, alla Segreteria Nazionale;

g) nomina il Vice Segretario Regionale tra gli iscritti strutturati;

h) nomina, nei casi in cui si manifesta una vacanza nelle funzioni di delegato aziendale, un sostituto, tra gli iscritti della regione di appartenenza. Le votazioni per il rinnovo della carica commissariata verranno indette, a cura del segretario regionale, entro 120 giorni dalla data in cui si è manifestata la vacanza.

Art. 37 - Vice Segretario Regionale

•Il Vice Segretario Regionale:

a) collabora con il Segretario Regionale nelle sue funzioni e lo sostituisce in caso di sua assenza o impedimento; in caso di dimissioni del Segretario Regionale convoca entro 60 giorni l'assemblea per la nomina del nuovo segretario regionale.

b) controlla e vigila sul regolare versamento delle quote associative da parte delle amministrazioni cui gli iscritti hanno rilasciato la delega;

c) è responsabile, con il Segretario Regionale, delle spese sostenute.

Art. 38 – Delegato Territoriale

Il – Delegato territoriale:

a) Coadiuva il Segretario regionale nel coordinare l'attività dei Delegati Aziendali del territorio di sua competenza curando i rapporti con il Segretario Regionale e facendosi portavoce delle istanze e delle aspettative della base.

Art. 39 - Delegato Aziendale

Il Delegato Aziendale:

a) coordina l'attività del sindacato all'interno dell'Azienda ove opera nel rispetto degli indirizzi generali degli organi sociali centrali e regionali;

b) rappresenta il sindacato nei confronti dell'ente da cui dipende;

c) viene eletto, tra gli iscritti strutturati, salvo deroghe approvate dalla Segreteria Nazionale, in assemblea aziendale.

Detta assemblea è valida solo con la presenza del 50%+1 degli iscritti. Sono ammesse due deleghe per ogni iscritto;

d) informa gli iscritti sullo stato delle trattative aziendali e sulle problematiche sindacali;

e) la carica di Delegato Aziendale ha validità di quattro anni ed è rinnovabile;

f) nomina, all’atto del suo insediamento, il vice delegato che rappresenta il sindacato nelle sedi contrattuali aziendali. Tale nomina, che può essere revocata in qualsiasi momento in quanto fiduciaria, deve essere socializzata all’Azienda.

Art. 40 - Formazione e gestione del patrimonio

Il patrimonio sociale è formato:

a) dai beni mobili ed immobili (nazionali e regionali) debitamente inventariati a cura del Tesoriere Nazionale, che comunque vengono in proprietà del sindacato;

b) dalle eccedenze annue di bilancio;

c) dalle rendite patrimoniali non destinate a fronteggiare le spese annuali di gestione.

Gli atti per la gestione economico finanziaria del patrimonio e gli eventuali investimenti di capitale sono deliberati dal Consiglio Nazionale a maggioranza assoluta.

TITOLO IV

BILANCIO PREVENTIVO E CONTO CONSUNTIVO

RAPPORTI FINANZIARI

Art. 41 - Bilancio di previsione della delegazione regionale viene definito dal Tesoriere Nazionale e inserito nel bilancio generale del sindacato.

Art. 42 - Bilancio di previsione del sindacato.

Entro il 31 maggio dell'anno cui si riferisce, il Consiglio Nazionale approva, su proposta della Segreteria Nazionale, il bilancio di previsione del sindacato sulla base dello schema all'uopo predisposto da quest'ultima. Il bilancio di previsione del sindacato comprende la previsione sia della segreteria nazionale, che delle segreterie regionali; le previsioni di queste ultime vanno ricavate dai bilanci preventivi delle singole delegazioni regionali. Il bilancio di previsione va sottoposto all'esame del Consiglio Nazionale corredato dalla relazione del Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti.

Art. 43 - Indirizzi generali per la gestione dei bilanci di previsione

I competenti organi dei vari livelli organizzativi, dispongono impegni di spesa limitatamente agli importi complessivi previsti nei singoli capitoli del bilancio di previsione. Nel caso in cui si ritengano necessarie maggiori disponibilità rispetto alle entità definite, capitolo per capitolo, in sede di bilancio l’impinguamento dei capitoli interessati può essere effettuato, dopo l’approvazione del Tesoriere Nazionale e dei Revisori dei Conti, su deliberazione della Segreteria Nazionale.

 

Art. 44 - Conto consuntivo

a) I conti consuntivi vanno predisposti, esaminati ed approvati dal Consiglio Nazionale dopo la relazione del Tesoriere Nazionale vistata, nella parte contabile, dai Revisori dei Conti.

b) Il conto consuntivo del sindacato, che è approvato dal Consiglio Nazionale entro il 31 maggio, comprende anche le risultanze dei consuntivi delle delegazioni regionali.

c) Il Consiglio Nazionale provvede ad applicare le risultanze del conto consuntivo al bilancio preventivo dell'anno in corso nella stessa riunione durante la quale procede all’approvazione del conto stesso.

Gli eventuali avanzi di amministrazione, anche se derivanti da minori spese effettuate dai Segretari Regionali rispetto al fondo disponibile in relazione della percentuale di spettanza, sono attribuiti esclusivamente alla competenza nazionale.

Art. 45 - Rimborsi alle Segreterie Regionali

Le Segreterie regionali sono riferimento istituzionale per i flussi di spesa e i rimborsi destinati alle strutture ed iniziative periferiche. Il Tesoriere Nazionale dispone l'erogazione dei fondi, nel rispetto della documentazione presentata e approvata dalla Segreteria Nazionale .

Art. 46 – Altri Rimborsi

a) Sono a carico della Segreteria Nazionale tutte le spese relative ai seguenti capitoli:

1. Segreteria Nazionale

2. Periodico d'informazione e pubblicazioni

3. Distacchi sindacali nazionali Si.Na.F.O.

4. Congressi nazionali e Consiglio Nazionale

5. Spese Gestione Sede Nazionale Si.Na.F.O.

6. Uffici della Segreteria Nazionale

7. Spese per consulenze legali sostenute a livello nazionale

8. Varie ed eventuali da definirsi caso per caso dalla Segreteria Nazionale

b) Sono a carico delle Segreterie Regionali le spese relative a:

1. Spese per organizzazione di assemblee, convegni regionali

2. Rimborsi per le riunioni della segreteria regionale.

3. Varie ed eventuali da definirsi caso per caso dalla Segreteria regionale

4. Spese per consulenze legali sostenute a livello regionale

5. Spese per commissioni e gruppi di studio a livello regionale.

Non sono ammesse richieste di rimborso riferite ad anni precedenti la chiusura del bilancio.

c) I rimborsi a carico della segreteria nazionale e regionale vanno richiesti entro un mese previa compilazione dell'apposito modulo. Detto modulo, unitamente ai documenti giustificativi, va inviato alla Segreteria Nazionale o Regionale che provvederanno alla relativa liquidazione.

 

TITOLO V

DISPOSIZIONI GENERALI

Art. 47 - Modalità relative ai casi di elezione di persone

Nel caso di votazioni per la nomina di persone, qualora una scheda contenga nomi non chiaramente identificabili ovvero illeggibili, si fa luogo alla nullità limitatamente ai nomi stessi. Qualora due o più candidati ottengano lo stesso numero di voti, al fine di individuare l’eletto, si procede con le modalità previste dall'art. 12 - punto 6 - lettera e). Possono essere elettori ed eleggibili all'interno degli Organismi Centrali e Regionali, con le modalità previste, tutti gli iscritti in regola con le quote associative.

Art. 48 – Incompatibilità

Costituiscono causa di incompatibilità tra loro:

a) la carica di componente effettivo del Collegio Nazionale dei Probiviri con qualsiasi altra carica istituzionale del Sindacato;

b) la carica di componente effettivo del Collegio Nazionale dei Revisori dei Conti con qualsiasi altra carica istituzionale del Sindacato. Fatte salve le incompatibilità di cui ai precedenti punti a) e b), ogni iscritto può essere titolare di non più di due cariche all’interno del sindacato.

Art. 49 – Mozione di sfiducia per il Segretario Generale, i componenti della Segreteria Nazionale, il Presidente, il Segretario Regionale, il Delegato Territoriale ed il Delegato Aziendale.

• Presidente, Segretario Generale e Segreteria Nazionale

A carico del Presidente, del Segretario Generale e dei singoli componenti della Segreteria Nazionale può essere richiesta la mozione di sfiducia dal 50%+1 dei componenti di diritto del Congresso Nazionale.

La procedura per porre la mozione di sfiducia si sviluppa attraverso le seguenti successive fasi:

a) Acquisizione e valutazione degli atti da parte del collegio dei probiviri;

b) Convocazione da parte del Presidente del Collegio dei Probiviri del Congresso Nazionale Straordinario, se

lo sfiduciato è il Segretario Generale o un componente della Segreteria Nazionale;

c) Esame e votazione di sfiducia da parte del Congresso Nazionale a scrutinio segreto ed a maggioranza assoluta; se la mozione ottiene la maggioranza assoluta dei membri di diritto dell'organo competente a pronunciarsi sulla stessa, si dà luogo alla decadenza immediata degli interessati.

 

 

•Segretari Regionali, e Delegati Aziendali

A carico dei Segretari Regionali, Responsabili Provinciali e Delegati Aziendali può essere richiesta la mozione di sfiducia dal 50%+1 degli aventi diritto al voto.

La mozione di sfiducia motivata, immediatamente esecutiva, deve essere inviata al Segretario Generale se lo sfiduciato è il Segretario Regionale, al Segretario Regionale se lo sfiduciato è il Delegato Territoriale  o il Delegato Aziendale.

Art. 50 - Norme per le verbalizzazioni

Tutte le riunioni degli organi collegiali, sia centrali che periferici, sono verbalizzate da un membro a ciò designato all'inizio di seduta, su proposta di chi presiede la riunione. Onde uniformare la stesura dei verbali, si stabilisce che gli stessi debbano essere redatti secondo il seguente schema:

a) ordine del giorno;

b) indicazione della data, ora e luogo della riunione;

c) elenco presenze componenti;

d) nominativo di chi coordina la riunione;

e) punti discussi e relative conclusioni articolate;

f) votazioni avvenute con tipologie delle stesse, elenco dei presenti reali e votanti, esito;

g) firma di chi presiede la riunione e del verbalizzante.

Copia dei verbali dovranno essere inviati alla Segreteria nazionale, conservati almeno per tre anni, e tenuti a disposizione degli Organi Statutari e della Magistratura.

Art. 51 - Provincie Autonome

Le Provincie Autonome di Trento e Bolzano vengono rispettivamente assimilate alle Regioni per ciò che attiene gli Organi Statutari.

Art. 52 - Centro di Formazione

a) Il Centro di Formazione Si.Na.F.O. ha lo scopo di promuovere, coordinare e attuare iniziative per l’aggiornamento su tematiche sindacali e culturali degli iscritti al Si.Na.F.O..

b) Il Direttore del Centro di Formazione, nominato dal Segretario Generale, coordina i corsi e relative attività;

c) individua le esigenze formative della categoria;

d) progetta e realizza, dopo l’approvazione della Segreteria Nazionale, le iniziative di formazione attuabili.

TITOLO VI

DISPOSIZIONI FINALI E TRANSITORIE

Art. 53 - Modificazioni dello Statuto

Le modificazioni dello Statuto possono essere proposte:

a) dalla Segreteria Nazionale;

b) da almeno dieci Segretari Regionali.

Le proposte, motivate e formalizzate, devono pervenire al Segretario Generale entro 60 giorni prima Congresso Nazionale ordinario.

Art. 54 - Norma transitoria per la costituzione degli Organi Sociali inesistenti o parzialmente non rispondenti alla previsione statutaria

Allo scopo di uniformare il presente statuto alla situazione dei precedenti articoli si stabilisce che esso entri in vigore subito dopo l’approvazione congressuale. La Segreteria Nazionale è delegata alla delibera della confluenza/adesione e cessione delle deleghe ad altre Organizzazioni Sindacali/Federazioni/Confederazioni ai fini della rappresentatività correlata alla composizione delle nuove aree contrattuali determinate dall’applicazione del Decreto Legislativo 27 ottobre2009 n. 150 (attuativo della legge 4 marzo 2009 n. 15) ed eventuali altre disposizioni direttamente correlate al DLgs. La segreteria nazionale è delegata anche a studiare l’ipotesi di costituzione di una società scientifica a prevalente indirizzo normo giuridico in ambito professionale. La segreteria nazionale, in caso di concretizzazione del progetto del  percorso costitutivo,  lo sottoporrà  al vaglio del  Consiglio Nazionale che, dopo averlo valutato , discusso e approvato,  darà il via libera alla segreteria nazionale per l’adozione dei provvedimenti consequenziali. La Segreteria Nazionale acquisito il formale parere del Consiglio Nazionale è altresì delegata ad apportare ulteriori, eventuali modifiche statutarie che si dovessero rendere necessarie anche ai fini di coordinare lo Statuto del Si.Na.F.O. con quello della Organizzazione Sindacale (culturale e scientifica) /Federazione/Confederazione a cui il Si.Na.F.O. aderisce o aderirà.

Art. 55 - Rinvio a norme generali

Per quanto non previsto o disciplinato nel presente statuto si fa riferimento alle norme di legge vigenti in materia ed in particolare, per quanto applicabili alle disposizioni dettate dal Codice Civile nei riguardi delle associazioni. Ai fini del recepimento della normativa di cui all’art. 148 del T.U.I.R. DPR 22/12/1986 n. 917, il presente statuto si conforma alle seguenti clausole di cui al comma 8 dell’articolo richiamato: a), b), d) e f).

Art. 56 Norma transitoria - Decadenza Ex Delegati  Provinciali

I responsabili provinciali decadono automaticamente dal loro incarico nel momento  in cui i Segretari Regionali provvedono alla nomina dei Delegati Territoriali.

Art . 57 Norma transitoria.

Coloro che intendano presentare la propria candidatura all’incarico di Presidente possono farlo subito dopo l’approvazione del presente Statuto e comunque entro il termine di apertura delle operazioni elettorali. Il Segretario Generale uscente non ricopre più automaticamente la carica di Presidente ma può candidarsi dal momento dell’approvazione del presente Statuto.

Il Congresso delega il Segretario Generale al deposito e alla registrazione del presente Statuto presso uno Studio Notarile in Roma.